Il ruolo dei social media nella crescita della tua startup

In che modo i social media possono contribuire alla crescita della tua startup e quale può essere il loro ruolo nella comunicazione del tuo brand?

Federico Antonioni

di Federico Antonioni - Team HarviUp

Pubblicato il 19 luglio 2016

Caro lettore e startupper, dopo averti mostrato in che modo il blog può essere utile ed efficace nel comunicare al mondo la tua idea di business, oggi cercheremo di mettere in luce l’importanza del ruolo che i social media ricoprono all’interno di un piano di comunicazione aziendale per startup più ampio e articolato.

Per farlo approfondiremo alcuni aspetti che ti consigliamo di tenere sempre bene a mente quando ti appresti a definire la strategia di social networking per la tua Startup.

In particolare cercheremo di capire l’importanza di:

  • individuare il social media più adatto;
  • determinare il giusto tono di voce;
  • automatizzare i processi;
  • definire una strategia.

Scegliere il social media più adatto per comunicare il tuo business

Oggigiorno, la comunicazione online rappresenta una necessità ineludibile per la crescita di qualsiasi tipo di business. In particolare attraverso l’utilizzo consapevole e ben ponderato dei social media hai la possibilità di:

  • incrementare il valore del tuo brand;
  • costruire rapporti e relazioni con i tuoi potenziali clienti;
  • attirare traffico verso il sito ufficiale della tua Startup;
  • aumentare il numero di conversioni.

Tuttavia, quando si hanno a disposizione decine di strumenti, ognuno con le proprie peculiarità, i propri punti di forza e le proprie debolezze, costruire una strategia davvero efficace non è per nulla semplice e scontato.

Come riuscire, dunque, ad individuare il social media più adatto alle proprie esigenze comunicative?

Devi, prima di tutto, stabilire l’obiettivo che intendi raggiungere e rapportarlo al tipo di business che ti proponi di sviluppare, all’audience che vuoi conquistare e alla concorrenza presente nel settore.

Per farti un esempio: se hai deciso di aprire una pasticceria in un quartiere popolare della tua città e vuoi offrire le tue prelibatezze alle famiglie che abitano in quella zona, difficilmente utilizzerai LinkedIn per far conoscere il tuo brand e acquisire nuovi clienti.

In questo caso Facebook è sicuramente lo strumento migliore per entrare in diretto contatto con gli abitanti del quartiere: ad esempio puoi creare eventi e promuovere offerte speciali.

In aggiunta puoi utilizzare Foursquare, un servizio di localizzazione geografica che consente ai prospect (potenziali clienti, n.d.r.) di individuare la tua pasticceria grazie ai consigli della community.

Attenzione, però!

Tutto questo dovrà essere fatto in simbiosi con il sito web ufficiale, che rimane comunque la “casa” della tua attività.

Determinare il giusto tono di voce da utilizzare sui social media

tono di voce social media

Anche in questo caso, come puoi facilmente intuire, non esiste un’unica soluzione.

Vero è, tuttavia, che oggigiorno gli utenti in Rete sono alla ricerca di esperienze di dialogo autentiche che consentono di instaurare relazioni di fiducia tra Startup Brand e prospect.

Si tratta di un fattore molto importante da tenere in considerazione. Ma che cosa si intende esattamente per tono di voce? È bene specificarlo. La “voce” può essere intesa come la personalità del brand che emerge da tutta l’attività svolta sui social media e può essere riassunta in unico aggettivo (vivace, positiva, cinica, professionale ecc.).

Il “tono”, invece, rappresenta il modo in cui la “voce” si concretizza e si manifesta sui social media ed è determinato da fattori come il pubblico, il contesto e il canale che si è scelto di utilizzare.

Insomma, la “voce” è una dichiarazione d’intenti; il “tono” l’applicazione concreta di tale dichiarazione. Quindi devi prima di tutto individuare il tipo di “voce” più adatto a rappresentare l’immagine online della tua Startup.

Per farlo immagina di essere a un party. Difficilmente ti presenterai agli altri invitati alla festa dicendo: “Ciao sono Mario e ho un’azienda di…”. Al contrario, inizialmente tenterai di creare rapporti e relazioni facendo domande e ascoltando quello che le altre persone hanno da dire e cercando di capire i loro problemi e le loro necessità.

È fondamentale, dunque, analizzare il linguaggio utilizzato dalla tua community e rapportarlo al substrato culturale del tuo Startup Brand. Dopodichè sarà molto più semplice alimentare la conversazione all’interno della comunità e quindi costruire una personalità forte, credibile e, soprattutto, autentica agli occhi dei tuoi potenziali clienti.

Dopo aver individuato la tua “voce”, devi decidere il “tono” da utilizzare per supportarla. Per farlo occorre tener conto di alcuni aspetti, tra cui:

    • il tipo di canale distributivo che utilizzerai per diffondere i tuoi contenuti (Un tweet? Un post su Facebook? Una foto su Instagram?)
  •  
    • il profilo dell’utente a cui ti stai rivolgendo (Già clienti? Potenziali clienti? Lead? Altri professionisti del tuo settore?)
    • le aspettative dell’utente (c’è chi, ad esempio, ha necessità di reperire informazioni o chi semplicemente desidera approfondire la conoscenza del brand)

All’interno di questo scenario, quindi, dovrai definire il tono di voce da tenere con gli utenti. Informativo? Trasparente? Accessibile? Utile? Sta a te capirlo e scegliere quello più adatto.

Quali strumenti utilizzare per automatizzare la comunicazione via social media?

automazione social media L ‘automatizzazione dei processi è un aspetto molto importante che, purtroppo, è spesso sottovalutato anche da coloro che operano nel settore. In realtà la possibilità di rendere automatiche e replicabili determinate procedure consente di ottimizzare i tempi di lavoro e di dedicare quindi più tempo alla pianificazione della strategia.

Inoltre, l’automatizzazione permette di raccogliere e confrontare più facilmente dati e informazioni e quindi di monitorare l’andamento di una campagna in tempo reale. Così facendo è più semplice valutare la situazione e prendere in considerazione eventuali cambi di strategia che possono essere decisivi per il successo della campagna stessa.

Ora, caro startupper, ti starai certamente chiedendo quali sono questi fantomatici strumenti che ti permettono di gestire e automatizzare tutta l’attività sui social media. In verità ne esistono molti e non sempre è semplice districarsi tra le diverse proposte commerciali.

Hootsuite, Buffer e Mention sono tra i servizi più conosciuti e utilizzati, ma ne esistono molti altri (gratuiti e a pagamento): sta quindi al social media manager, di comune accordo con la Startup, valutare il tool migliore da utilizzare in ragione del tipo di strategia che si intende attuare, degli obiettivi prefissati e del contesto in cui si opera.

Quale strategia attuare per coinvolgere il target?

Innanzitutto, devi comprendere che non si può attuare una strategia social media davvero efficace se non all’interno di un piano di comunicazione più ampio e articolato, in cui i vari strumenti utilizzati entrano in sinergia tra loro.

Questo significa, in sostanza, che anche un semplice Tweet, un commento o un “Mi piace” su Facebook deve essere parte integrante di un piano prestabilito ben preciso. In tal senso, il primo passo fondamentale da compiere è definire con esattezza gli obiettivi da raggiungere. Quindi chiediti perchè hai deciso di sviluppare una strategia di comunicazione attraverso l’uso dei social media:

  • Desideri fare attività di branding per far conoscere la tua Startup?
  • Vuoi acquisire lead per creare un database?
  • Intendi attirare traffico verso il tuo sito web o una specifica landing page?

Cerca di rendere misurabili questi obiettivi e stabilisci delle soglie di successo realisticamente raggiungibili.

A questo punto, una volta individuati e stabiliti gli obiettivi, dovrai conoscere più a fondo il tuo target e per farlo utilizzerai una delle tecniche fondamentali del marketing, ovvero la segmentazione.

La suddivisione del pubblico per area geografica e per caratteristiche socio-demografiche e comportamentali ti aiuterà a distinguere e a creare messaggi ad hoc per ciascuna categoria di utente.

Parallelamente dovrai anche analizzare in che modo i tuoi concorrenti diretti “si muovono” sui social media cercando di coglierne sia le debolezze sia i punti di forza. Possono insegnarti davvero tanto!

Infine, raccolti e analizzati tutti questi dati, dovrai scegliere i canali social più idonei per l’implementazione della tua strategia e, coerentemente, sviluppare i messaggi e i contenuti da pubblicare stabilendo in maniera precisa i vari timing.

Il metodo HarviUp per una strategia social media vincente

Quello appena descritto è in estrema sintesi il metodo che anche HarviUp utilizza per definire la propria strategia di comunicazione sui social media.

Un metodo che è frutto di prove e controprove e che può contare su un elevato livello di competenza, acquisito grazie all’esperienza maturata negli anni in questo specifico settore.

Non è affatto semplice e banale capire il funzionamento di questi particolari strumenti di comunicazione, per cui occorre sempre contestualizzarne l’utilizzo in relazione a ciascun caso specifico. Solo così si può comprenderne fino in fondo le dinamiche e quindi mettere in atto buone pratiche di comunicazione “social”.

Da ciò si evince che è indispensabile avere piena consapevolezza delle proprie azioni e delle conseguenze che queste possono generare per il proprio brand; è fondamentale sapere, quindi, come muoversi e comportarsi in questo ambito specifico, stando molto attenti a ciò che si “dice” e a ciò che si fa.

Un passo troppo azzardato, infatti, potrebbe essere fatale per l’immagine online della tua Startup.

Conclusione

In questo articolo abbiamo cercato di mettere in luce l’importanza dei social media come strumenti di crescita per le startup. Ci siamo soffermati in particolare sull’opportunità di:

  • individuare la piattaforma (o le piattaforme) “social” più idonea per raggiungere i tuoi obiettivi;
  • scegliere e definire il “tono di voce” da tenere nelle conversazioni con gli utenti;
  • utilizzare software e applicazioni ad hoc per automatizzare i processi di pubblicazione, condivisione e monitoraggio dei contenuti;
  • definire una strategia di comunicazione complessiva che contempli l’uso proattivo di tutti questi strumenti.

Caro startupper, giunti al termine di questa breve lettura, dovrebbe essere ormai a te chiaro il fatto che i social media sono una risorsa importante per lo sviluppo del tuo business.

Ti invitiamo, quindi, a prendere seriamente in considerazione questa opportunità, ma non prima di avere effettuato il TEST STARTUP di autovalutazione che HarviUp mette a disposizione di tutte le Startup che vogliono capire il loro vero potenziale.

Iscriviti alla nostra newsletter per non perderti i prossimi articoli

* indicates required

HarviUp - Business Design userà i dati da te forniti tramite il form di contatto per inviarti: email informative e per fini commerciali, e la Newsletter. Per favore, seleziona il tipo di consenso:


Puoi cancellarti dalla mailing list di questo sito, in qualsiasi momento, semplicemente cliccando sul link che trovi in fondo alle mail che t'invieremo. Per ulteriori informazioni consulta la nostra Privacy Policy sul sito. Cliccando su "Iscriviti" accetterai i termini in essa contenuti.

We use MailChimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to MailChimp for processing. Learn more about MailChimp's privacy practices here.

Ti è sembrato interessante?

Leggi altri articoli per approfondire

Seguici sui nostri canali social